Vai al contenuto

Luciano dall’Acqua, Vaso in Vetro di Murano Massiccio Nero con Decoro Frontale – 1985

1.500,00

Richiedi maggiori informazioni:

    Il tuo nome (richiesto)
       

    La tua email (richiesto)
       

    Il tuo messaggio
       

    Accetto il trattamento dei miei dati personali

    Luciano dall’Acqua
    1932

    Vaso in vetro massiccio di colore nero con decoro frontale realizzato con applicazioni a caldo con nastri di colore rosso e nero su fondo cristallo.

    Firma e dedica ad personam al fondo

    Murano, 1985

    cm. 28x21x14

    In ottimo stato di conservazione.

    Artista poliedrico e di grande interesse.

    Scultore, incisore e pittore.

    Dagli anni Cinquanta partecipa alla vita artistica con la sua presenza in concorsi nazionali e internazionali conseguendo numerosissimi premi e riconoscimenti. Dal 1966 collabora con la Fucina degli Angeli a Murano.

    Nel 1972, invitato in Messico, soggiorna e opera per vari mesi, tenendo una personale alla Galleria Las Rajas di Città del Messico. Nel 1975, in Danimarca, allestisce rassegne personali a cura della Sholernes Kunstforning e del L’Angelands Museum.

    La sua attività espositiva continua nel 1976 con personali a Götteborg e Bromolla in Svezia; sempre nello stesso anno espone anche nel Palazzo dei Diamanti di Ferrara.

    Seguono altre personali in Italia – a Treviso, Venezia, Gorizia, Catania, Ferrara, Brindisi, Messina, Vicenza, Milano, Bologna, Firenze, Padova, Sulmona, Verona – e in Svizzera, Austria e Spagna.

    Ha fatto parte del Gruppo AZ ed è ideatore e fondatore del Gruppo RIVENISE 80. Grande rilievo nella sua produzione assumono le sculture in vetro e le acquetinte. Nel corso della sua maturazione artistica, l’artista predilige forme e stilemi essenziali, abbandonando quasi il colore.

    Ruolo fondamentale è assunto dal dato manuale e tecnico dell’operazione artistica.

    Importanti nella sua produzione sono anche i lavori realizzati con il papiro, nei quali si fondono passato e presente, segni e geroglifici.

    Nelle opere in vetro, invece, la tensione espressa nei lavori eseguiti con altri materiali assume toni più morbidi, dando risalto al valore intrinseco della luminosità.