Luciano dall’Acqua, Vaso in Vetro di Murano Massiccio Nero con Decoro Frontale – 1985

1.500,00

Prezzo: 1500 €

Richiedi maggiori informazioni:

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Il tuo messaggio

    Accetto il trattamento dei miei dati personali

    COD: 162 Categoria:

    Descrizione

    Luciano dall’Acqua
    1932
    Vaso in vetro massiccio di colore nero con decoro frontale realizzato con applicazioni a caldo con nastri di colore rosso e nero su fondo cristallo.
    Firma e dedica ad personam al fondo
    Murano, 1985
    cm. 28x21x14
    In ottimo stato di conservazione.
    Artista poliedrico e di grande interesse.
    Scultore, incisore e pittore.
    Dagli anni Cinquanta partecipa alla vita artistica con la sua presenza in concorsi nazionali e internazionali conseguendo numerosissimi premi e riconoscimenti. Dal 1966 collabora con la Fucina degli Angeli a Murano.
    Nel 1972, invitato in Messico, soggiorna e opera per vari mesi, tenendo una personale alla Galleria Las Rajas di Città del Messico. Nel 1975, in Danimarca, allestisce rassegne personali a cura della Sholernes Kunstforning e del L’Angelands Museum.
    La sua attività espositiva continua nel 1976 con personali a Götteborg e Bromolla in Svezia; sempre nello stesso anno espone anche nel Palazzo dei Diamanti di Ferrara.
    Seguono altre personali in Italia – a Treviso, Venezia, Gorizia, Catania, Ferrara, Brindisi, Messina, Vicenza, Milano, Bologna, Firenze, Padova, Sulmona, Verona – e in Svizzera, Austria e Spagna.
    Ha fatto parte del Gruppo AZ ed è ideatore e fondatore del Gruppo RIVENISE 80. Grande rilievo nella sua produzione assumono le sculture in vetro e le acquetinte. Nel corso della sua maturazione artistica, l’artista predilige forme e stilemi essenziali, abbandonando quasi il colore.
    Ruolo fondamentale è assunto dal dato manuale e tecnico dell’operazione artistica.
    Importanti nella sua produzione sono anche i lavori realizzati con il papiro, nei quali si fondono passato e presente, segni e geroglifici.
    Nelle opere in vetro, invece, la tensione espressa nei lavori eseguiti con altri materiali assume toni più morbidi, dando risalto al valore intrinseco della luminosità.