Perchè il vetro di Murano è famoso in tutto il mondo?

Il vetro di Murano è da sempre il nome più blasonato nella storia della lavorazione del vetro.

Le isole veneziane (tra cui Murano, Burano e Lido) hanno una lunga e rispettata storia di innovazioni tecnologiche e stilistiche che ancora oggi definiscono il vetro decorativo e artistico.

Ma perché il vetro di Murano è così speciale e altamente considerato, vi starete chiedendo?

In questo articolo abbiamo voluto approfondire l’illustre storia del vetro veneziano per scoprire le sue origini poco conosciute e le famose famiglie che hanno aperto la strada all’industria vetraria famosa tutt’oggi.

Il vetro di Murano fa riferimento a oggetti in vetro fabbricati sull’isola di Murano, una delle isole della Laguna di Venezia.

Per secoli, i vetrai di tutta Italia si sono riversati a Venezia, una città con un porto che l’ha resa un centro strategico per il commercio quando Venezia faceva parte dell’Impero Bizantino.

Fino al tardo Impero Bizantino i principali soffiatori di vetro del mondo si trovavano soprattutto in Egitto e in Siria.

Grazie alla portata dell’Impero, la conoscenza è stata condivisa in tutta la regione, e i vetrai di Venezia hanno affinato le loro abilità grazie a questi maestri artigiani.

Nel XIV secolo la città lagunare murata di Venezia divenne uno stato indipendente.

Man mano che la produzione del vetro nella zona si affermava, i vetrai dalla terraferma si riversavano in città per perfezionare la loro arte ed aprire nuovi laboratori.

La città, tuttavia, divenne particolarmente soggetta al fuoco con il suo potente mix di edifici con tetti di paglia e industrie che facevano affidamento sul calore intenso.

Tra i peggiori disastri che si abbatterono sulla città vi fu il Grande Incendio di Venezia nel 1105, che danneggiò 23 quartieri e distrusse 23 chiese.

L’isola di Murano

Nel 1291, il gran numero di fornaci contenute all’interno della città stava minacciando la sopravvivenza dei veneziani, così il Senato, l’organo di governo della Repubblica di Venezia all’epoca, ordinò all’intera industria vetraria di trasferirsi nell’isola di Murano per prevenire e contenere future distruzioni urbane.

Ascesa e declino del vetro veneziano

Alla fine del XIII secolo fu istituita la Corporazione dei Vetrai, che diede agli artigiani una posizione elevata nella società.

In quanto tali, le figlie dei vetrai potevano sposare la nobiltà e i maestri artigiani potevano portare delle spade e sfuggire ai processi.

In cambio, ci si aspettava che gli artigiani continuassero la tradizione nelle loro famiglie e rimanessero a Murano, mantenendo la loro esperienza al sicuro all’interno della Laguna di Venezia.

Nel corso del tempo, l’industria del vetro iniziò a conquistare l’isola e nel XVI secolo quasi la metà dei cittadini di Murano era coinvolta in qualche modo nell’industria.

Con una così alta concentrazione di vetrai, i professionisti di Murano furono responsabili dell’innovazione di una serie di tecniche industriali, dando all’isola un vantaggio significativo nell’industria del vetro.

In breve, Murano ottenne il monopolio dell’industria vetraria.

Lavorazione del vetro di Murano

La vetreria veneziana cadde in forte declino dopo che la peste del 1630 decimò la popolazione della città.

L’altro fattore considerevole che determinò il declino dell’industria fu la caduta della Repubblica di Venezia per mano di Napoleone Bonaparte e dell’Impero Asburgico nel 1797.

Ciò portò allo scioglimento della Corporazione dei Vetrai, che in precedenza era servita a proteggere i vetrai di Murano, e alla nascita del vetro di Boemia, creato nel più ampio impero asburgico (parte dell’odierna Repubblica Ceca), che alla fine invase il mercato.

Una successiva depressione economica spinse molti vetrai ad allontanarsi da Venezia, portando con sé i loro segreti commerciali, o facendo chiudere completamente le vetrerie.

Nel 1820 erano rimaste nella zona solo sedici fornaci, tra cui due importanti produttori: la famiglia Salviati e i Fratelli Toso, un gruppo di sei fratelli noti per l’arte innovativa.

I discendenti di queste eccezionali industrie vetrarie continuano ancora oggi il commercio di famiglia.

Tra i famosi vetrai di Murano possiamo ricordare: i Fratelli Toso (1854– ), la famiglia Salviati (1859– ), Ercole Barovier (1889–1974), Paolo Venini (1895–1959), Carlo Scarpa (1906–1978) e Alfredo Barbini (1912–2007).

Nel XX secolo, i vetrai veneziani iniziarono a lavorare in collaborazione con artisti e designer, elevando la lavorazione del vetro come forma d’arte.

Negli anni ’80 c’è stato un afflusso di vetrai che hanno realizzato opere artistiche uniche, così come artisti che si sono formati specificamente nella lavorazione del vetro.

Di conseguenza, Murano è ora una destinazione globale ricca di significato culturale e artistico.

Come identificare il vetro di Murano

L’eredità del vetro di Murano nel mercato è stata minacciata negli ultimi anni da un afflusso di vetro non artigianale, con alcuni esempi molto convincenti.

Si stima che il vetro contraffatto rappresenti oltre il 40% del mercato del vetro di Murano.

Nella GALLERIA e nell’OUTLET del nostro sito potrai acquistare solamente oggetti in vetro di Murano originale e certificato.

Se vuoi richiedere a uno specialista di identificare correttamente un oggetto in vetro di Murano in tuo possesso puoi contattarci compilando il modulo qui sotto:

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Il tuo messaggio (specificare il titolo dell'oggetto a cui si fa riferimento)

    Accetto il trattamento dei miei dati personali

    Vuoi approfondire la tua conoscenza del vetro di Murano?

    Leggi gli altri articoli dedicati al vetro di Murano: