Charles Gleyre: Le Soir Ou Les Illusions Perdues

Charles Gleyre
1806-1874

Le Soir Ou Les Illusions Perdues, 1844
Olio su tela riportato su tavola, cm. 61×100

Nato nel 1806 a Chevilly, Svizzera, si recò ancora giovane a Parigi per studiare come pittore presso l’atelier di Louis Hersent.

Poco dopo si spostò a Roma dove, nel 1831, dipinse il suo primo quadro.

Nel 1834 al seguito dell’industriale, filantropo e appassionato d’arte John Lowell Jr. fece un lungo viaggio che toccò la Sicilia, la Grecia, l’Egitto, il Sudan e il Vicino Oriente durante il quale realizzò numerosi disegni dei siti archeologici visitati.

Rientrò a Parigi nel 1837 e iniziò una brillante carriera.

Nel 1840 realizzò un affresco per il castello di Dampierre del duca di Luynes.

Nel 1843 espose al Salon il dipinto Le Soir detto in seguito Les Illusions Perdues, opera fondamentale per la sua poetica che anticipò e aprì la via ai pittori simbolisti.

Il quadro ottenne un grandioso successo tanto da essere acquisito dal Louvre che lo volle tra le opere da inserire nella sua collezione.

In seguito venne nominato docente all’Ercole des beaux-arts di Parigi e fondò una propria accademia dove si formarono artisti del calibro di Renoir, Bazille, Sisley, Monet.

Sue opere sono esposte in importanti collezioni private e pubbliche.

Tra queste possiamo annoverare:

Il dipinto qui proposto è una versione di dimensioni ridotte dell’opera oggi conservata al Museo del Louvre di Parigi.

Il grande successo ottenuto fece sì che la stessa venisse ripetuta più volte in formati differenti per accontentare, pratica comune e consolidata, le richieste dei collezionisti. 

La qualità del dipinto, un olio su tela riportato su tavola, unita ad uno stato di conservazione molto buono fanno propendere per una versione autografa del maestro come tra l’altro pare confermare la data apposta in rosso al margine inferiore destro.

Per informazioni:

www.zogia.it – info@zogia.it

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.