Vai al contenuto
Home » Blog » La videoarte: il caso Bill Viola

La videoarte: il caso Bill Viola

    Oggi vi parlerò di uno degli artisti che personalmente ammiro maggiormente: Bill Viola, conosciuto da tutti per la sua personalissima videoarte.

    Tuttavia prima di iniziare a parlare della sua vita, credo sia necessario aprire una piccola parentesi sulla videoarte spiegando da dove nasca e cosa sia.

    Bill Viola
    Bill Viola

    Innanzitutto, è bene sottolineare come essa sia un linguaggio artistico a tutti gli effetti creato mediante strumentazioni video, ma la nascita di questa espressione si può identificare nella seconda metà degli anni sessanta: nel 1963, Nam June Paik realizza Exposition of Music-Electronic Television, considerato oggi il primo esempio concreto di pratica della videoarte.

    Nam June Paik,  Exposition of Music-Electronic Television
    Nam June Paik, Exposition of Music-Electronic Television

    Tuttavia, la svolta decisiva e il riconoscimento ufficiale di questa nuova sperimentazione artistica avvengono nel 1968 con la mostra curata da Pontus Hulten al MOMA di New York, intitolata The machine as seen at the end of the mechanical age, che segna il passaggio dall’era della macchina all’era della tecnologia.

    MOMA di New York, intitolata "The machine as seen at the end of the mechanical
age"
    MOMA, The machine as seen at the end of the mechanical age

    In questa mostra, Nam June Paik utilizza per la prima volta un rudimentale videoregistratore.

    Nello stesso anno, dall’altra parte dell’oceano, all’Institute of Contemporary Art di Londra, Jasia Reichardt realizza il progetto espositivo Cybernetic serendipity insieme a un esperto di tecnologia e uno di musica.

    I visitatori vengono avvisati che non sarebbe stato facile capire se le opere erano state realizzate da un artista o da uno scienziato.

    Jasia Reichardt Cybernetic serendipity
    Jasia Reichardt, Cybernetic serendipity

    Attualmente, grazie ai continui sviluppi tecnologici, la produzione nel campo della videoarte è estremamente vivace.

    Questa forma di espressione si avvale di ogni tipo di piattaforma e supporto disponibile, sfruttando al massimo le potenzialità offerte dalla tecnologia attuale.

    Ad esempio, si fa largo uso di schermi al plasma e LCD, che permettono la visualizzazione delle opere con una qualità e definizione sempre più elevate.

    Le proiezioni sono sempre più luminose e coinvolgenti, rendendo l’esperienza visiva ancora più intensa.

    Grazie a queste costanti innovazioni, la videoarte si evolve costantemente, spingendosi verso nuove frontiere estetiche e tecniche, sempre alla ricerca di una qualità superiore.

    Ora che abbiamo fatto un excursus sulla videoarte, possiamo comprendere la storia e la mente creativa di Bill Viola, uno degli artisti più magnetici del nostro secolo.

    Bill Viola è un artista contemporaneo nato il 25 gennaio 1951 a New York City, negli Stati Uniti.

    È noto per il suo lavoro nel ampo della videoarte, considerato uno dei pionieri del medium.

    Viola ha studiato presso la Syracuse University in New York, dove ha conseguito una laurea in Belle Arti nel 1973.

    Durante i suoi anni di studio, si è interessato all’arte concettuale e sperimentale, ed è stato profondamente influenzato dalle opere di artisti proprio come Nam June Paik e Bruce Nauman.

    Nam June Paik's Electronic Superhighway: Continental U.S., Alaska, Hawaii, 1995
    Nam June Paik’s Electronic Superhighway: Continental U.S., Alaska, Hawaii, 1995

    Dopo essersi laureato, Viola ha iniziato a lavorare come assistente tecnico presso il Video Art Department del WGBH-TV di Boston.

    È stato proprio in questo periodo che ha iniziato a sviluppare la sua estetica e il suo approccio artistico unici nel campo del video.

    Negli anni ’80 e ’90, Viola ha iniziato a ottenere riconoscimento internazionale per le sue opere che esploravano temi come la spiritualità, la consapevolezza e la mortalità.

    I suoi video spesso mostrano scene lente e meditative, che catturano momenti di profonda introspezione emotiva.

    Oltre alle sue installazioni video, Viola ha anche realizzato opere per la televisione e il cinema, come ad esempio la produzione video della messa di Wagner in Bayreuth nel 1994 e il cortometraggio The Quintet of the Astonished del 2000.

    Il lavoro di Viola è stato esposto in numerose mostre personali e collettive in tutto il mondo.

    Ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti per il suo contributo all’arte contemporanea, inclusa una mostra personale alla Biennale di Venezia nel 1995 e il titolo di Mostra d’arte Suzanne Deal Booth / FLAG Art Foundation nel 2017.

    Oggi Bill Viola continua a realizzare nuove opere e a esporre il suo lavoro in tutto il mondo, continuando ad essere una delle figure più influenti nel campo dell’arte video contemporanea.

    Ho avuto la fortuna di vedere una sua mostra a Milano e ammetto che si è trattato di una delle esperienze più immersive ed emozionanti di sempre, capace di cambiare me e gli altri spettatori.

    Ora proverò a farvi cogliere questa mia opinione attraverso la spiegazione di alcune sue opere.

    La prima che vorrei menzionare, nonché la più conosciuta, è The Raft montata – come tutte le sue opere – a rallentatore con l’elemento dell’acqua come predominante.

    Si tratta di un’installazione video composta da due schermi su cui vengono proiettati simultaneamente due video in bianco e nero.

    L’opera è ispirata al racconto The Raft of the Medusa di Théodore Géricault, che a sua volta si basa su un famoso naufragio realmente accaduto nel 1816.

    Nella sua opera, Viola esplora il tema del naufragio e il senso di disperazione che ne deriva.

    I due schermi mostrano due gruppi di persone che si aggrappano a una zattera in uno scenario oceanico.

    Il primo video mostra persone che cercano di sopravvivere in una situazione estrema, terrorizzate e disperate, mentre il secondo presenta persone che sembrano in preghiera, in un momento di riflessione spirituale.

    Attraverso la tecnica di proiezione lenta utilizzata in entrambi i video, Viola enfatizza l’attesa, il movimento lento delle onde e l’azione di mani e corpi che lottano con i propri limiti fisici.

    L’artista vuole indurre lo spettatore a pensare alle loro esperienze personali e a interrogarsi sul significato dell’esistenza e della morte.

    The Raft affronta anche temi di disperazione, sopravvivenza e speranza. L’opera può essere interpretata come una metafora delle nostre vite, in cui ogni individuo è alla deriva in un oceano di incertezza e alla ricerca di un senso e un significato nel mondo che ci circonda.

    L’uso del bianco e nero e la proiezione lenta contribuiscono a creare una sensazione di tempo sospeso, dando all’opera un’atmosfera intima e contemplativa.

    Viola utilizza anche la tecnologia audio per creare un paesaggio sonoro drammatico che amplifica l’esperienza emotiva dello spettatore.

    The Raft è un’opera potente che invita a una riflessione profonda sulla condizione umana e sul senso della vita.

    Attraverso l’uso di video e suoni in modo altamente emozionale, l’opera di Bill Viola offre uno spazio per l’introspezione e l’esplorazione dei nostri pensieri e delle nostre emozioni più profonde.

    Bill Viola, The raft
    Bill Viola, The raft

    Un’altra opera che mi ha colpito è senza dubbio Emergence nel 2002.

    L’opera è composta da un grande schermo verticale su cui viene proiettato un video di una figura umana che emerge dalle profondità dell’acqua. La figura sembra fluttuare lentamente verso l’alto, quasi come se stesse risorgendo da un luogo sconosciuto.

    Il video è accompagnato da una colonna sonora composta da suoni ambientali, come il rumore dell’acqua che scorre e il respiro della figura che emerge.

    Queste componenti audiovisive creano un’atmosfera di mistero e fascino, invitando lo spettatore a immergersi completamente nell’opera.

    Molte interpretazioni sono state fatte riguardo al significato di Emergence: alcuni vedono nell’opera una rappresentazione metaforica della nascita e della rinascita, poiché la figura sembra emergere da un luogo oscuro per affacciarsi sulla luce; altri vedono l’opera come un’affermazione della fragilità umana e della nostra connessione con la natura e il ciclo della vita.

    Bill Viola, Emergence
    Bill Viola, Emergence

    L’ultima opera che vorrei menzionare è sicuramente Martyrs Series, una serie di video in cui l’artista esplora il concetto di martirio attraverso una combinazione di immagini suggestive e suoni emotivamente potenti.

    Ogni video della serie si concentra su una persona che rappresenta un diverso tipo di martirio.

    Viola prende ispirazione dal martirio come concetto storico e religioso, ma lo adatta anche a situazioni contemporanee, cercando di mostrare il martirio come una condizione umana universale.

    L’opera inizia con il video The Earth Martyr (Il martire della terra), che rappresenta una persona che affronta il martirio attraverso la sofferenza causata dalla violenza e dalla distruzione dell’ambiente naturale.

    Il video mostra immagini di un uomo che viene letteralmente sommerso dalla terra e dall’acqua, esplorando la fragilità dell’essere umano di fronte alle forze della natura.

    Il secondo video della serie è intitolato The Air Martyr (Il martire dell’aria) e mostra un individuo che sfida la propria resistenza fisica e mentale attraverso la privazione dell’aria.

    Viola crea un ambiente claustrofobico, in cui l’uomo è costretto a lottare per la respirazione, rappresentando simbolicamente il martirio come un cammino verso la liberazione.

    Il terzo video, chiamato The Fire Martyr (Il martire del fuoco), rappresenta una figura che si sottopone a una forma di purificazione o trasformazione attraverso il fuoco.

    Le immagini mostrano il corpo di una persona in fiamme, simboleggiando la ricostituzione spirituale attraverso il sacrificio e il dolore.

    Infine, il quarto video della serie si intitola The Water Martyr (Il martire dell’acqua) e rappresenta una scena di annegamento.

    Viola esplora le emozioni più profonde e universali connesse con la morte per annegamento, raffigurando una persona in procinto di morire, immersa nell’acqua, ma presentando anche una luce di speranza e rinascita.

    Bill Viola utilizza una serie di tecniche visive e sonore per creare una forte connessione emotiva con lo spettatore.

    Le sue opere cercano di trasmettere un senso di spazio e tempo dilatato, che amplifica le emozioni e le sensazioni provate dai personaggi della serie.

    I ritmi lenti e i suoni ambientali sottolineano il senso di tensione e di concentrazione, mantenendo lo spettatore completamente immerso nella narrazione.

    Martyrs Series è un’opera potente e provocatoria che richiama l’attenzione sul tema del martirio, una condizione umana estrema che può essere interpretata in modi diversi a seconda delle esperienze individuali.

    Bill Viola, Martyrs composite
    Bill Viola, Martyrs composite